Casa delle bambine e dei bambini, grazie a Banca Popolare di Bari

di Maris Matteucci Commenta

La Casa delle bambine e dei bambini ha visto la luce e un ringraziamento speciale va alla Banca Popolare di Bari che si è adoperata, insieme al comune, per portare a termine la realizzazione di questa struttura volta ad accogliere le famiglie con bambini che versano in condizioni economiche difficoltose. Una iniziativa decisamente lodevole che, aggiunta a quelle che in passato avevano visto ancora protagonista Banca Popolare, rendono merito all’istituto pugliese, sempre molto sensibile nei confronti delle persone bisognose.

La Casa delle bambine e dei bambini, allestita nel complesso Bari Domani, ospiterà dunque bimbi fino ai cinque anni insieme ai loro genitori. All’interno della struttura troveranno posto un emporio della solidarietà per l’infanzia, una boutique sociale e ovviamente uno spazio ludico dove i piccoli potranno divertirsi e passare del tempo insieme. Ancora, sempre all’interno della struttura, ci sarà un centro sperimentale per il sostegno alla genitorialità, un ambulatorio sociale per l’infanzia. Inoltre si svolgeranno azioni sperimentali nel campo dell’educazione alimentare, delle forme di consumo alternative con l’obiettivo di insegnare la cultura del riciclo e l’importanza di non sprecare cibo. Ecco le dichiarazioni di Gianluca Jacobini, condirettore generale di Banca Popolare di Bari, a margine della iniziativa benefica che ha visto anche la presenza del Presidente della Banca Marco Jacobini e dell’Amministratore Delegato Giorgio Papa: “Il nostro sostegno a questa iniziativa, che mi preme ricordare non ha alcuno scopo di lucro, pur offrendo molteplici servizi educativi, beni di prima necessità e percorsi per la genitorialità, dedicati alla prima infanzia conferma lo storico legame della Banca con il territorio, evidenziando che la nostra mission va ben oltre la tradizionale attività bancaria. Mi preme anche sottolineare che la Banca non pone la propria attenzione solo alla città di Bari o alla Puglia, ma anche alle regioni che sono in grande difficoltà per i recenti eventi sismici e per le condizioni meteo avverse, come l’Abruzzo e l’Umbria“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>