Bolla immobiliare Regno Unito 2013?

di Roberto Commenta

Secondo alcuni esperti di quanto accade nel mercato immobiliare del Regno Unito nel corso del 2013, il pericolo di una nuova bolla immobiliare si starebbe aggirando oltre manica. Il settore immobiliare britannico inizia infatti a mostrare qualche segno di cedimento molto evidente e, stando alle analisi compiute da alcuni osservatori, non è escluso che il real estate della macro area possa dar seguito a importanti e sgradite novità.

In particolare, affermano le fonti statistiche ufficiali, nel corso del mese di maggio i prezzi delle abitazioni del Regno Unito avrebbero fatto registrare l’incremento più ampio degli ultimi tre anni, con prospettive di ulteriori crescita nel corso dei prossimi 12 mesi (in tal proposito, vedi anche come comprare una casa di lusso a Londra, una delle aree più “esplosive” del Paese).

La notizia, che potrebbe sembrare superficialmente molto ottimista, è in realtà legata a un eccesso di domanda immobiliare che è stata sollecitata da un piano governativo di accesso facilitato al credito per coloro che intendono acquistare la propria prima casa di proprietà (il c.d. piano di “Help to buy”, l’aiuto all’acquisto della prima casa residenziale).

A ciò si aggiunga che alcuni dati macro economici sembrano suggerire massima cautela agli operatori di settore. In particolare, l’ultimo rapporto trimestrale sull’andamento dell’inflazione ha indotto il governatore uscente della Bank of England, Mervyn King, ha dichiarare come il governo debba limitare il regime di garanzia ipotecaria a due anni al fine di evitare pressioni inflazionistiche che l’incremento dei prezzi delle abitazioni potrebbe comportare per l’economia locale.

La particolarità di questa nuova fase del mercato immobiliare del Regno Unito sembra infine essere caratterizzata da una rapida espansione della crescita dei prezzi non più limitata alla sola Londra (fino a poco tempo fa unica zona di rilevanza a poter vantare delle quotazioni in rialzo), quanto anche ad altre macro regioni, prevalentemente concentrate nel Sud del territorio britannico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>