Mutui ed immobili: inventati di sana pianta i dati ABI

di Alba D'Alberto Commenta

Questo l’allarme lanciato da Federconsumatori di cui riportiamo il comunicato: si teme che data la discrepanza dei dati riportati da un trimestre all’altro, il report dell’ABI sia falsato soltanto per fare un piacere al Governo.

Scrive e spiega l’associazione di consumatori:

Il 17 giugno scorso, l’ABI informava che nel primo quadrimestre del 2015, per le nuove erogazioni di mutui per l’acquisto di immobili è stato registrato un incremento annuo del +55,2% rispetto al medesimo quadrimestre dello scorso anno. Il 28 agosto 2015 l’Abi ha comunicato i dati relativi ai prestiti erogati nel primo semestre dell’anno: “R03;I finanziamenti alle imprese hanno segnato nei primi sette mesi del 2015 un incremento del +16% sul corrispondente periodo dell’anno precedente (gennaio-luglio 2014). Per le nuove erogazioni di mutui per l’acquisto di immobili, sempre nello stesso periodo, si è registrato un incremento annuo del +82,2% rispetto al medesimo arco temporale dello scorso anno. Nell’analogo periodo, le nuove operazioni di credito al consumo hanno segnato un incremento del +24,3%.” Il dato sarebbe altamente consolante se non contrastasse con le rilevazioni effettuate ogni mese  dalla Banca d’Italia che ricava i dati di prestiti e raccolta indagando i bilanci delle banche italiane. Nel giugno 2015, per Bankitalia i prestiti alle famiglie sono  cresciuti dello 0,1 % rispetto ad un anno prima e dobbiamo chiederci come possa trovare spazio – nello stesso periodo –  l’aumento dell’82,2 % dei mutui fornito dall’ABI per il primo semestre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014. Forse considera la surroga un nuovo mutuo? Sarebbe opportuno che disaggregasse più incisivamente meglio il dato fornito. Stesse considerazioni per i prestiti alle imprese non finanziarie. A giugno 2015, rispetto ad un anno prima  le erogazioni sono scese dell’ 1,6 % per Bankitalia, mentre il comunicato ABI parla di un incremento del  16 % nel primo semestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>