Sull’edilizia popolare, la proposta d’intervento di Delrio

di Alba D'Alberto Commenta

Convegni e incontri pubblici ormai sono diventati occasioni per il governo di proporre iniziative, annunciare riforme, presentare programmi. È successo anche in occasione di un convegno romano al quale è stato invitato il Ministro delle Infrastrutture Delrio e si è parlato delle case popolari in Italia, oltre che dell’emergenza abitativa. 

Secondo quanto riportato dal ministro, il Governo è al lavoro per investire in modo puntuale sul settore previdenziale popolare perché sa che gli interventi dovranno essere snelli e anche rapidi. L’obiettivo è recuperare 20 mila alloggi pubblici in tre o quattro anni al massimo. Delrio ha anche fatto una “promessa” da ottemperare entro la fine dell’anno in corso: recuperare e rendere accessibili 7500 alloggi pubblici. Dopodiché occorre passare alle demolizioni e anche queste dovranno essere rese più semplici e veloci. Sarebbe il primo vero importante passo avanti dell’edilizia popolare in Italia. Immobiliare.it nel raccontare e commentare quanto proferito dal ministro, scrive:

Se tutto andasse avanti come accaduto fino a oggi, ossia con i tempi medi per un progetto pari a quindici o addirittura venti anni, qualsiasi idea non farebbe in tempo a essere realizzata che al suo nascere sarebbe già diventata vecchia. Ecco perché gli sforzi di Stato e Governo si stanno dirigendo proprio verso lo snellimento degli iter burocratici e dell’approccio che è in vigore nel settore dell’edilizia popolare. Ma a necessitare di un’importante manovra di semplificazione non sono solo le pratiche dei progetti per la costruzione di nuovi alloggi popolari, di cui in Italia abbiamo comunque bisogno; a essere centrali e oggetto di riflessioni da parte del Governo sono anche le demolizioni di quelli esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>