Vendite case Padova ancora in calo

di Redazione Commenta

Non accenna ad arrestarsi il calo delle compravendite a Padova. Il mercato immobiliare della città detiene infatti, insieme a Verona, il primato dell’acquisto della prima casa dopo la vendita della precedente, valutato che – affermava il quotidiano Libero – ben il 50 per cento degli acquisti riguarda questo segmento. Vediamo allora quali sono le considerazioni effettuabili sul mercato immobiliare locale, e in che modo potrebbero evolversi i prezzi delle case cittadine.

Stando a quanto precisava ulteriormente il quotidiano, il 37 per cento degli acquisti riguarda invece la prima casa in assoluto, e il 13 per cento riguarda invece l’acquisto di una seconda casa.

Sul fronte delle transazioni immobiliari e della loro sinergia con i rendimenti energetici, anche sul territorio padovano si riscontra un maggior interesse nei confronti della valutazione dell’efficienza energetica degli immobili, in grado di influenzare in maniera importante il valore dell’immobile stesso in base ai consumi.

La maggior parte degli immobili del Padovano – concludeva infine il quotidiano – si trova in classe E/F (30 per cento), che rappresenta altresì la penultima classe sotto il profilo del risparmio energetico. Per quanto invece concerne la percentuale degli immobili in classe A/B – di conseguenza, la classe energetica più meritevole in termini di consumi energetici – a Padova ben il 20 per cento delle unità immobiliari vi fa appartenenza, confermandosi così la terza provincia più virtuosa in Veneto dopo quelle di Venezia e Treviso.  Nella provincia di Padova, inoltre, si registra inoltre una delle percentuali più basse in Veneto tra gli immobili in classe G, con un 22 per cento contro una media regionale del 29 per cento (vedi anche il nostro precedente approfondimento sull’andamento del mercato immobiliare di Padova).

Per quanto attiene l’evoluzione dei prossimi trimestri, anche per Padova vale la stessa regola interpretativa del resto d’Italia, con gli analisti che sperano di poter valutare nel breve termine dei tangibili segnali di ripresa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>