Arredamento e pubblicità, tra le tante opzioni vince il claim più bello?

di Gianluca Commenta

Chi cerca casa o sta per rinnovare la propria sa come sia importante la scelta dell’arredamento. E, manco a dirlo, la scelta delle sedie, poltrone e dei mobili da salotto che sono più degli altri legati a concetti di gusto personale e design.

Vastissima la scelta. Colori, forme, concetti mescolati in mille combinazioni di prodotto. A volte verrebbe la tentazione di affidarsi al caso, per evitare lunghi processi di scelta familiari…I costruttori di arredi lo sanno. E puntano molto sulla pubblicità.

L’aspetto emotivo, quando ci si sente sovrastati dalla mole di informazioni e possibilità di scelta può farla da padrone. E magari ci troviamo a comprare una sedia o un divano che  ci hanno colpito, emotivamente. Ci ha pensato anche Domitalia.

Infatti è partita a luglio la campagna stampa delle nuove sedute Domitalia, on air sulle principali testate di arredamento a larga diffusione.

La creatività e la pianificazione media è curata da Pubblimarket2, consolidata agenzia del brand Domitalia, che ha visto la direzione creativa di Alberto Di Donna, della coppia Pierluigi Butto (art director) e Paolo Lacchini (copywriter), con il coordinamento strategico dell’AD di Pubblimarket2 Giovanni Cadamuro.

La nuova campagna Domitalia si ispira al morbido e sinuoso design delle sue nuove sedute Echo e Crystal.

Il claim è “Fateci il nido”, l’utilizzo del concetto di dimora si coniuga con i valori che la nuova campagna vuole comunicare al lettore, ovvero una sensazione di calore domestico, comfort abitativo ed equilibrio con la natura.

I due soggetti, pappagalli e paperi, con forti valenze cromatiche suggeriscono la natura multicolor dei prodotti Domitalia.

Al prossimo acquisto preparatevi bene, o lasciatevi guidare dalle emozioni. Prima però provate gli arredi, magari  seduti si pensa meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>