Abitare sostenibile: cos’è il Cohousing?

di Redazione 1

Con il termine cohousing si fa riferimento a degli insediamenti abitativi, in genere dei piccoli quartieri o delle aree residenziali, nei quali è prevista la condivisione di spazi e servizi.

I cohousers, gli abitanti di queste aree, sono persone che hanno deciso di andare ad abitare lì previa conoscenza di quelli che sarebbero stati i loro vicini di casa. Il cohousing trova infatti il suo fondamento ideale nella solidarietà presente all’interno della comunità cittadini dei paesi e deo piccoli centri italiani.
Oltre a questo riferimento ideale, nel cohousing si condividono e quindi si gestiscono congiuntamente una serie di spazi all’aperto e al chiuso. Lavanderie, ampie cucine, foresteria, garage-laboratori, sale gioco per bambini, palestre, biblioteche, piscine, solarium, aree verdi, internet-cafè e molto altro.

Come dicevamo, insieme agli spazi i cohousers condividono, o meglio si scambiano, servizi. Ognuno è chiamato a dare la disponibilità su un’area di particolare interesse. C’è chi si occupa di baby-sitting, chi fa piccoli lavoretti di idraulica e falegnameria, chi si occupa delle piante da fiore e chi magari gestisce gli orti comuni, aree destinate alla coltivazione di piante aromatiche, odori e ortaggi di consumo.

Il principio è quello della Banca del Tempo. Nessuno paga nessuno all’interno della comunità dei cohousers. Il valore di scambio è il tempo, se ne riceve quanto se ne dà.

Il numero ideale di famiglie che possono dare vita ad una comunità di cohousing è compreso tra 20 e 40. Prima di andare ad abitare insieme le persone si conoscono e, sotto la guida del soggetto proponente (in genere anche incaricato dela risistemazione edilizia dell’area o della costruzione ex-novo), accettano la reciproca partecipazione.

Chi compra una casa in un insediamento di cohousing è tenuto ad abitarci. Non esiste il concetto di seconda casa o di affitto. L’investimento lo si fa per se stessi, per vivere in un’area verde, tecnologicamente avanzata dal punto di vista energetico, avendo grossi risparmi sui consumi e molte facilitazioni nella vita quotidiana.

In genere il cohousing si adatta quindi ad ambienti al di fuori delle città, dove la mancanza di spazi e il ritmo vertiginoso della vita ne impedirebbero il successo. Nei prossimi giorni vedremo qualche esempio di comunità di cohousers italiane.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>