Fiaip e I Say contro la disintermediazione immobiliare

di Redazione Commenta

Fiaip, Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, sceglie l’agenzia di comunicazione I Say per lanciare una nuova campagna web.

Il progetto si compone di tre differenti video, ognuno dei quali mostra i rischi delle trattative tra privati. Tre video, tre situazioni diverse, ma con un unico fil rouge: “Le trattative fai da te”. Questo è il concept che, con un tono ironico e fresco, racconta i problemi di chi decide di non affidarsi ad un agente immobiliare. Una miniserie web per comunicare gli svantaggi delle trattative tra privati.

Ogni episodio è dedicato ad una specifica situazione, comprare casa, vendere casa e affittare il proprio locale commerciale.

Tutti i video mostrano, con tono ironico, i problemi della disintermediazione, come la perdita di tempo e di soldi, per non parlare delle possibili sanzioni o anche più semplicemente, di come comunicare l’affitto o la vendita di un immobile.

«Siamo orgogliosi di lavorare con Fiaip, un brand innovativo che ci ha dato la possibilità di esprimere al meglio la nostra creatività. Il mercato immobiliare non è facile come sembra e la figura dell’agente immobiliare è davvero fondamentale in questo mondo. Lo abbiamo voluto comunicare con un tono beffardo, perché in fondo pensiamo che sia il modo migliore per far riflettere il target, su una questione davvero molto seria», afferma Ralph Di Segni, CEO di I Say.

«Le tecnologie 4.0 sono il nostro miglior alleato, per questo lanciamo una campagna di comunicazione digitale sui social, con l’intento – dichiara Vincenzo  Campo, Responsabile Comunicazione e Media Relations di Fiaip – di comunicare ai consumatori in modo chiaro, semplice ed immediato come le “trattative fai da te” possono essere in realtà molto rischiose e valorizzare il ruolo fondamentale della figura dell’agente immobiliare nel Real Estate. Fiaip da sempre lavora per creare un circuito di sicurezza nella compravendita immobiliare».

Di seguito il video del primo episodio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>