Quanto costano le case nelle ex vie a luci rosse

di Alba D'Alberto Commenta

Il tema delle case chiuse torna in primo piano anche grazie alla proposta di revisione della Legger Merlin che il Parlamento sta prendendo i considerazione. Sulla scia di queste discussioni, Immobiliare.it si è chiesto quanto valgono oggi le case in quelle vie che prima del 1958 erano piene di case chiuse.Per lo studio si è preso come riferimento un immobile tipo: trilocale di 80 metri quadri, al secondo piano, ben messo e sito in un palazzo residenziale. La ricerca si è concentrata in otto delle principali città italiane: da quelle del Nord quali Milano, Torino, Genova e Bologna, a quelle del Centro, ossia Firenze e Roma, fino al Meridione con Palermo e Napoli. Vediamo quello avviene nel Sud Italia:

Via Chiaia, a Napoli, era la strada di riferimento per i frequentatori di case chiuse da bene: oggi rimasta centrale e piuttosto ricca, la zona conta prezzi medi pari a 272.000 euro; più basso il costo delle case nelle zone più interne dei Quartieri Spagnoli: in quello che fu Largo Baracche erano concentrati i bordelli a basso costo per il popolino; oggi qui le case costano mediamente 190.000 euro. Anche Palermoha trasformato i luoghi dei bordelli in quelli più esclusivi: dietro al teatro Politeama, comprare casa costa oggi 166.000 euro per vivere in Via Gioacchino Ventura, quella che un tempo ospitava le notePensione delle Rose e Pensione Jolanda. Si abbassano i prezzi in Via Antonio Gagini, a pochi passi dalla centrale Via Roma, sede della casa chiusa che amava frequentare anche il bandito Giuliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>