Case ristrutturate con gruppi d’acquisto, succede a Palermo

di Redazione Commenta

Una novità nel settore immobiliare arriva da Palermo dove una serie di cittadini, organizzati in gruppi d’acquisto, hanno dato il via ad una serie di ristrutturazioni a tappeto di immobili residenziali. Ecco il resoconto dell’iniziativa. 

Non è una cosa che succede in tutta Italia ma soltanto dove ci sono le condizioni giuste per fare l’investimento nel mattone e ottenere dei guadagni attraverso lo sviluppo immobiliare. Così scrive anche Immobiliare.it che spiega come nell’ultimo periodo ci sia una corsa all’acquisto di immobili venduti a prezzi stracciati, da ristrutturare. La spesa è tutta nella ristrutturazione e nella capacità, successiva, di ricollocare le nuove unità abitative, il cui prezzo sarà necessariamente più alto, per poter coprire le spese sostenute.

I problemi legati al “nuovo” prezzo degli immobili si può anche aggirare. A Palermo hanno trovato un escamotage interessante: si sfruttano i gruppi d’acquisto per fare rigenerazione edilizia.

Il quotidiano Il Sole 24ORE ha raccontato per primo il progetto siciliamn della società immobiliare, PL5 che sta provando ad abbattere i costi di ristrutturazione ricorrendo alla logica dei gruppi d’acquisto.

Come funziona il processo?

Dopo aver individuato l’immobile su cui è possibile (e strategico) operare una ristrutturazione o una vera e propria ricostruzione, la società contatta i proprietari e verifica se questi hanno la volontà e la possibilità economica per intervenire, oppure preferiscono vendere; valutata la fattibilità del progetto è sempre la società a contattare possibili compratori, a cui si chiede di contribuire sin da subito, comprando i millesimi dell’immobile futuro e finanziando così la costruzione delle parti comuni. Questo permette di tenere bassi i prezzi e di offrire ai compratori degli appartamenti nuovi con prezzi fino a 1000 euro/mq più bassi del mercato. Un vero e proprio affare, sia per chi punta a rivendere, sia per chi sceglie di vivere nel nuovo stabile, che spesso si trova in zone centrali – se non addirittura nel centro storico, per cui rivalutazione si sta spendendo anche l’amministrazione comunale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>