Comunicazione inizio lavori, come si procede

di Alba D'Alberto Commenta

Ogni volta che s’intende modificare la struttura della casa o alcune parti, è importante darne comunicazione agli organi preposti. Si parla di comunicazione inizio lavori e ci sono variazioni e particolarità in base al tipo di immobile.

L’attività della comunicazione di inizio lavori è regolamentata dai commi 2 e 4 dell’articolo 6 del Testo Unico che prevede una comunicazione di inizio lavori da inoltrare, anche in via telematica, al SUE del Comune di competenza. Se l’immobile non è sottoposto a vincolo ambientale o storico, non sono necessarie autorizzazioni.

In caso di manutenzione straordinaria

Nella manutenzione straordinaria è compresa anche l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne. È importante che le modifiche non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici. Per tutti questi interventi bisogna trasmettere anche i dati dell’impresa a cui vengono affidati i lavori e una relazione tecnica di un professionista che sia stato abilitato in base alle norme vigenti.

Esigenze contingenti e pavimentazione

Le esigenze contingenti e temporanee così come la pavimentazione e la finitura degli spazi esterni, prevedono la comunicazione di inizio lavori. Le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità devono essere completate entro un termine non superiore a novanta giorni. In linea con lo stesso tipo di documentazione anche le opere di pavimentazione e finitura di spazi esterni. Il discorso vale anche per aree di sosta e per la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati.

Altri casi in cui è necessaria la comunicazione di inizio attività

Ci sono altri casi in cui è necessario inviare agli organi competenti la dichiarazione di inizio attività: quando si installano i pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di accumulo esterno; quando si realizzano aree ludiche senza fini di lucro ed elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici; quando sono effettuate delle modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d’impresa, e modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa.

In caso di mancata comunicazione

La mancata comunicazione di inizio lavori o la mancata trasmissione della relazione tecnica comportano una sanzione di 258 euro, ridotta di due terzi se la comunicazione è effettuata spontaneamente quando l’intervento è in corso di esecuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>