Diedinhouse.com spiega chi è morto nella casa che si vuole comprare

di Alba D'Alberto Commenta

Diedinhouse.com è il sito internet americano, con più di 100 milioni di utenti registrati, che svela il passato di un immobile, indicando se nelle casa richiesta dal cliente è morto qualcuno e in che periodo.

Un sito internet al servizio degli acquirenti di una casa che vogliono conoscere il passato dell’immobile e sapere, molto banalmente, se ci sono degli spiriti nascosti. Considerando che Diedinhouse.com conta 118 milioni di iscritti, il servizio è molto richiesto sia da chi cerca un immobile in vendita, sia da chi predilige l’affitto. Sembra un servizio macabro mai l’inventore ha spiegato qual è la vicenda che gli ha fornito lo spunto.

Catrina McGhaw era una donna del Missouri in cerca di una casa da comprare. Aveva messo gli occhi su un’abitazione ma poi, seguendo un documentario dedicato ad un killer, aveva scoperto che la casa che stava per acquistare era proprio quella in cui il killer aveva torturato le sue vittime. Era stata messa in vendita dalla madre.

Al di là degli spiritismi, quindi, un servizio del genere evita brutte sorprese ed ha dei risvolti economici interessati se si pensa alla svalutazione che un immobile può subire in seguito ad un evento delittuoso.

Gli utenti che si iscrivono al sito possono accedere a diversi report che per ogni casa indicano a chi è appartenuta nel tempo e se il proprietario è morto, in che modo è avvenuto il decesso. Le registrazioni vanno generalmente indietro fino agli anni Ottanta ma ci sono anche ricostruzioni precise che arrivano all’Ottocento.

Ad alimentare le informazioni presenti sul sito sono gli stessi utenti che caricano informazioni di vario tipo, articoli di giornale, ad esempio, oppure veri e propri certificati di morte. L’unica pecca del servizio è nel fatto che ogni ricerca che si fa si paga la bellezza di 11 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>