Il mercato immobiliare nelle località di mare

di Alba D'Alberto Commenta

Lo scorso anno il mercato immobiliare ha mostrato segni di crisi profonda. Le località di mare non sono state da meno, ma il alcuni posti il calo dei prezzi e le difficoltà del settore sono stati meno pesanti. I dati mostrano che il calo delle quotazioni nelle località di mare è stato del 4,9% su base nazionale.

 

Nelle località di mare del centro il calo è stato del 5,5%, in quelle delle isole è stato del 5,4% e in quelle del nord e del sud è stato del 4,3%. La regione con il calo delle quotazioni più sostanziale è stata la Toscana con il -6,7%. Seguono la Basilicata con il -6,3% e l’Emilia Romagna con il -6,1%. I dati migliori si sono avuti in Calabria, dove il calo è stato del -2,4%, e in Sicilia, con il -2,8%. Nelle località di mare più famose, il calo delle quotazioni è diffuso con delle differenze. Ad esempio, Jesolo e Golfo Aranci hanno avuto una diminuzione più alta che altre località, rispettivamente del 16,7% e del 15%.

Tra le località di mare quali sono quelle con i prezzi più alti? Al primo posto si conferma Alassio con un prezzo di 12 mila euro a metro quadro. Tra gli altri Positano ha un prezzo di 7 mila euro a metro quadro.

I costi più bassi nelle località di mare che sono anche turistiche sta stimolando la domanda di acquisto, sia come seconde case sia come investimento. La novità è che in questi posti aumenta anche la richiesta per l’acquisto in termini di prima casa. Il mercato immobiliare deve fare i conti con le minori possibilità di spesa collegate alla crisi economica. Per le case vacanze il massimo è attorno ai 350 mila euro considerando case di due o tre camere, con giardino e vicine al mare. Le tasse sulle seconde case stanno portando a una situazione in cui le stesse vengono usufruite per i fine settimana e comunque per un periodo mentre negli altri periodi sono affittate. Il mercato straniero nelle località di mare è in crescita e si concentra sulle case vicino al mare, più lontane dal mare ma comunque tranquille, sulle case dal valore storico e sulle case nei borghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>