I mobili gonfiabili, relax e fantasia

di VittMat89 1

Le novità dal mondo design ci portano a conoscenza di vere e proprie stravaganze. Una delle ultime tendenze è quella dei mobili gonfiabili. Comodi e di facile spostamento sono il miglior  strumento per una sistemazione temporanea in casa. Questa nuovo tipo di arredo va molto di moda. In molti si penseranno che la loro utilità è pari allo zero, ma invece no.

Utilissimi per riposini in montagna e relax assicurato al mare i mobili gonfiabili sono tutt’altro che fragili, anzi grazie alla rivestitura in polipropilene sono molto resistenti.

I modelli sono vari e stravaganti: infatti troviamo dai classici pouff a vere e proprie poltrone davvero comodissime. Poi i led colorati all’interno dell’imbottitura danno un tocco di unico e speciale per l’arredamento della propria casa. La praticità di questi mobili è che quando ci siamo annoiati di avere in casa sempre lo stesso arredamento basta sgonfiarli e riporli nelle sacche che vengono fornite al momento dell’acquisto. Facile no!!!

I Prezzi per l’acquisto dei mobili gonfiabili variano da modello a modello. Ad esempio la poltrona Blow del Zanotta viene a costare su 400 euro. Si tratta di una poltrona in pvc trasparente. Deve essere gonfiata in ambienti non molto caldi e per l’uso esterno il consiglio è quello di gonfiarla poco.

La ditta Moroni Gomma presenta, invece, una poltrona con lo stile della famosa Chesterfield, ma con all’interno un cuore gonfiabile. Questo modello si chiama Blofield, facile da gonfiare visto che vi è in dotazione la pompa elettrica. Il costo di questa poltrona si aggira intorno ai 450 euro.

I pregio di questi “mobili” è la capacità di adattarsi e modellarsi a qualsiasi tipo di situazione. Per quanto riguarda i difetti, ci vuole molta cura perché spine o aghi possono far del male a quest’originale e stilosa novità del vasto mondo dell’arredamento.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>