Regno Unito, cautela nonostante la crescita dei prezzi

di Roberto Commenta

Regno Unito, gli economisti si dicono cauti ma ottimisti circa il futuro andamenti dei prezzi delle case locali.


I prezzi delle proprietà immobiliari britanniche continuano a crescere. A contribuire a questa situazione ci hanno pensato in parte le banche che procedono a mantenere dei tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento piuttosto bassi rispetto a quanto si è potuto osservare nel recente passato; ma decisivo sembra essere anche il comportamento (più o meno indotto) di società di costruzione e di vendita, che negli ultimi mesi hanno portato in flessione l’offerta di case, con conseguente allineamento verso la domanda di settore.

Secondo quanto riporta un recentissimo studio condotto da Halifax, i prezzi delle case inglesi sono cresciuti dell’1,6% durante il mese di settembre, per il terzo rialzo consecutivo mensile, e il quinto dall’inizio dell’anno.

Nonostante questo scenario che dovrebbe indurre a un ottimismo piuttosto significativo nell’ambito odierno, gli economisti e gli analisti locali sembrano invitare ad una maggior cautela, sostenendo che difficilmente i prezzi delle case continueranno a crescere con lo stesso ritmo anche nel corso dei prossimi mesi. Anzi, è probabile che i valori delle proprietà immobiliari, in un futuro non troppo lontano, subiranno un nuovo ed evidente arresto.

A dire il vero, dall’inizio dell’anno ad oggi i prezzi delle case hanno chiuso il loro  bilancio temporaneo con un valore positivo, in crescita dell’1,7%, per una media di 163.533 sterline, con un incremento di quasi il 6% nei confronti del minimo toccato ad aprile, quando il valore medio di una casa fu rilevato pari a 154.490 sterline.

Su base trimestrale, invece, i prezzi sono cresciuti del 2,8% nel periodo luglio – settembre rispetto al periodo di riferimento precedente, per il primo incremento trimestrale negli ultimi due anni, e per l’aumento  più importante dal primo trimestre del 2007, quando Halifax rilevò un incremento del 2,9%.

Bisogno però ricordare che questi dati, tuttavia, non bastato per infondere negli economisti britannici un’adeguata fiducia sul futuro del real estate locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>