Si pagherà più cara la luce e meno caro il gas

di Alba D'Alberto Commenta

Avere una casa vuol dire anche mettere in conto di dover sostenere delle spese importanti, per esempio quelle di manutenzione ordinaria e straordinaria, oppure i costi delle tasse come la TASI, oppure ancora i costi delle bollette. Su queste si sofferma la nostra attenzione viste le modifiche dei prezzi di luce e gas. 

A parlare della modifica delle tariffe è l’Eurostat che spiega come nell’UE sia in corso una revisione dei costi dei servizi di fornitura dell’energia elettrica e del gas. Ma mentre i costi del gas potranno beneficiare del calo del prezzo delle materie prime energetiche, lo stesso non si può dire della bolletta della luce che potrebbe subire l’ennesima impennata.

In virtù del calo dei costi delle materie prime energetiche, le bollette del gas costeranno meno. Riassume così Immobiliare.it

Nell’Unione i prezzi si sono abbassati dell’1,7% in un anno con un prezzo di 7,1 euro per 100 kWh; maggiore il calo dei costi nei Paesi che hanno adottato l’euro, dove si è registrato un -3,4%. Gli italiani, in questo caso, sono stati più fortunati, avendo giovato di un calo del 4,8% in un anno.

Le statistiche, riferite al periodo che va dalla metà del 2014 alla seconda metà del 2015, hanno evidenziato che in Italia si sono registrate nei costi delle variazioni molto più evidenti che nel resto degli Stati Europei e questo, tutto sommato, fa ben sperare. Discorso antitetico meritano i costi dell’energia elettrica che sono aumentati in modo costante in tutta l’UE, fino a toccare i 21,1 euro per kWh. È sempre Immobiliare.it a fornire una sintesi della situazione:

Nell’Eurozona, invece, l’aumento è stato minore, fermandosi all’1,3% per un costo di 22,2 euro per kWh. L’Italia, purtroppo per i suoi cittadini, ha vissuto un aumento maggiore, pari al 3,8%. Nonostante ciò possiamo dire di non essere quelli che pagano gli importi maggiori, dato che a detenere il primato sono Germania e Danimarca, non tanto per i costi dell’energia quanto per le accise che pesano sulle bollette, pari rispettivamente al 52% e al 69%. Nel nostro Paese le tasse sono pesano, al momento, per il 39%, un punto percentuale in più della media nell’Eurozona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>