Quali sono le mete più care per le vacanze?

di Alba D'Alberto Commenta

Ci sono tanti stranieri che vengono a visitare l’Italia e tanti italiani che restano nello Stivale per godersi le bellezze nostrane. Ma una casa per le vacanze quanto costa? E soprattutto, perché scegliere una casa in affitto?

La risposta alla seconda domanda è semplice: affittare una casa vuol dire, nella più parte dei casi, risparmiare, mantenere l’indipendenza rispetto a movimenti e orari ma soprattutto avere il massimo della privacy possibile. Ma quando bisogna affittare una casa è necessario farlo anche considerando la città, magari scegliendo dei luoghi d’elite.

vacanze-300x300

Immobiliare.it e Casevacanza.it hanno deciso di fare una classifica delle mete più care e appetibili per chi vuole una vacanza affittando case per un periodo breve. Si è arrivati così a stilare una classifica delle località più care d’Italia. Il punto di riferimento è stata la ricerca di un appartamento tipo, con 4 posti letto, da affittare nelle settimane centrali di agosto.

In Italia le città più VIP o comunque più costose sono quelle che si affacciano sul mare e nel dettaglio: Positano, Portofino e Taormina. Alloggiare in queste città vuol dire anche spendere 200 euro a notte. Il tenore di vita e la fama internazionale di queste zone, rende anche le case molto più costose del dovuto. Tuttavia, fanno sapere i ricercatori, alloggiare in albergo nelle stesse città, determina una spesa del 30% in più.

Se si allargasse l’indagine andando a scovare le regioni con il maggior numero di località high cost allora a capitanare la classifica c’è la Campania che annovera anche Amalfi, Capri e Ischia, località tra le più costose d’Italia per i turisti. Ci sono molte località VIP anche in Sicilia e Sardegna. A parte la già citata Taormina, bisogna aggiungere anche Lipari e Favignana e poi anche Porto Cervo (in Sardegna), La Maddalena e Alghero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>