Cedolare secca affitti 2011: il Fisco incontra i professionisti

di mister6339 Commenta

La cedolare secca sugli affitti, ovverosia l’imposta sostitutiva sui redditi da locazione, ufficialmente entrata in vigore nell’aprile scorso, rappresenta una novità non solo per i contribuenti, ed in particolare per i proprietari di immobili, ma anche per i professionisti che li assistono. Ed allora in Emilia-Romagna, ed in particolare a Reggio Emilia, l’Agenzia delle Entrate ha organizzato un ciclo di incontri incentrato proprio sul tema relativo alla cedolare secca sugli affitti. L’imposta sostitutiva, lo ricordiamo, è al 19% per i contratti di affitto a canone concordato, mentre è al 21% per i contratti di affitto stipulati dal proprietario e dall’inquilino sul mercato libero. E così a Reggio Emilia il Fisco incontra sulla cedolare secca i professionisti e gli addetti ai lavori in un primo incontro di apertura che, in accordo con quanto riportato da Fiscooggi.it, il Quotidiano Telematico dell’Agenzia delle Entrate, s’è tenuto il 5 maggio scorso.

Nel dettaglio, s’è fatto il punto sul nuovo regime di tassazione attraverso una panoramica che ha toccato anche il tema relativo alla registrazione degli atti. Al riguardo si ricorda che i contratti di locazione scaduti dal 7 aprile scorso, e fino al 6 giugno 2011, potranno essere registrati entro proprio il 6 giugno 2011 al fine di decidere o meno se avvalersi dell’imposta sostitutiva sui redditi da locazione.

All’incontro del 5 maggio scorso a Reggio Emilia, in accordo con quanto riferisce l’Amministrazione finanziaria dello Stato, erano presenti parecchie decine di agenti immobiliari aderenti alla sezione locale della Fiaip, la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali. Il Fisco, in particolare, ha posto l’accento sull’utilizzo dei canali telematici, a partire da Civis, attivo oramai da oltre un anno, ed arrivando a “Siria“, l’applicativo online che si utilizza proprio per l’adesione al regime della cedolare secca sugli affitti con conseguente risparmio di tempo e di denaro tanto per il Fisco quanto per i contribuenti e per i professionisti che li assistono negli adempimenti fiscali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>